27/08/14

Gli «Stati falliti»

L'arte della guerra. Libia, Siria, Iraq... la democrazia occidentale è tornata all'imperialismo ottocentesco

Gli «Stati falliti»

17/06/14

Chile: Carabinero infiltrado saca arma contra estudiantes durante marcha

La Vita Agra "và a lavurà che l'è mei"

La Vita Agra "và a lavurà che l'è mei"

Il 2 giugno è la “Festa della Repubblica che ripudia la guerra” | Azione nonviolenta

Il 2 giugno è la “Festa della Repubblica che ripudia la guerra” | Azione nonviolenta

Roma, metro in tilt.Uomo in carrozzina: "Montascale rotto" #degrado

non per niente è la capitale e ha un sindaco renziano pd

Avvocati dello Stato, addio premi E partono tre giorni di sciopero

Le corporazioni generate dal fascismo danno ancora frutti (marci) #corporatocrazia


Avvocati dello Stato, addio premi E partono tre giorni di sciopero - Corriere.it

"Il mio piccolo figlio Down rifiutato dal centro estivo"

storie italiane di ordinaria ignoranza e emarginazione. viene il vomito solo a sentirne parlare, ma occorre denunciare questi soprusi e togliere licenze e quant'altro a incapaci, incompetenti


"Il mio piccolo figlio Down rifiutato dal centro estivo" - Repubblica.it:


Ecomafia

Ecomafia | Legambiente:

'via Blog this'

06/06/14

#mazzettastaiSerenissima -

#mazzettastaiSerenissima - micromega-online - micromega:


Ma quando dichiariamo guerra alle mazzette?

Ma quando dichiariamo guerra alle mazzette? - micromega-online - 


Torino, NoTav recitano opere di Erri De Luca indagato per istigazione a ...

Icam, una casa con le sbarre per le mamme detenute e i loro figli

Corea del Sud: No al ritorno all’autoritarismo

Corea del Sud: No al ritorno all’autoritarismo:


Le débarquement du 6 juin 1944 du mythe d’aujourd’hui à la réalité historique

http://www.lafauteadiderot.net/LE-DEBARQUEMENT-DU-6-JUIN-1944-DU

lafauteadiderot.net:


Processo rifiuti Lazio, si parte col “botto”, valanga di richieste di parti civili – rassegna stampa completa | ASSOCIAZIONE DIFFERENZIATI | Informati e non delegare |

Processo rifiuti Lazio, si parte col “botto”, valanga di richieste di parti civili – rassegna stampa completa | ASSOCIAZIONE DIFFERENZIATI | Informati e non delegare |:


VENEZIA, STORIA DI UN SUICIDIO

ComeDonChisciotte - VENEZIA, STORIA DI UN SUICIDIO

VENEZIA, STORIA DI UN SUICIDIO

ComeDonChisciotte - VENEZIA, STORIA DI UN SUICIDIO:


21/03/14

Manager pubblici, ecco redditi e patrimoni dei Paperoni di Stato

Dalla A di Abate (Pietro, segretario Camera di commercio di Roma) alla Z di Zoccali (Stefano Salvatore, direttore generale dell’ente per l’irrigazione della Puglia, Lucania e Irpinia) eccoli tutti i redditi e i patrimoni dei dirigenti dello Stato e della Pubblica amministrazione, degli enti pubblici, delle aziende autonome e speciali, nonché delle controllate dallo Stato con più del 20 per cento del capitale.
Manager pubblici, ecco redditi e patrimoni dei Paperoni di Stato - Il Fatto Quotidiano

07/03/14

APPELLO UCRAINA. BASTA GUERRE!

Non possiamo rimanere in silenzio davanti al pericolo di un’altra guerra, stavolta in Ucraina, che potrebbe riaprire lo scontro tra Est e Ovest, tra Russia e NATO.
Non vogliamo entrare su come  siamo arrivati all’ attuale crisi ucraina. Abbiamo un po’ tutti contribuito a questo disastro: gli americani come i russi, gli europei come la destra nazionalista filorussa o filoeuropea. La NATO ha giocato un ruolo notevole in questa storia, nella speranza di poter fare un altro passo importante nella sua espansione a Est. (Esattamente com’era successo nel  2008 per la Georgia nel Caucaso)
Questo permetterebbe alla NATO di puntare direttamente i suoi missili su Mosca. E’ un ghiotto bottino. E lo è anche per la UE, che ha offerto all’Ucraina un pesantissimo prestito del Fondo Monetario Internazionale, che legherà l’Ucraina al carro dei mercati finanziari dell’Occidente. Ma altrettanto enormi sono gli interessi della Russia sia in campo economico, ma soprattutto in campo militare(strategica in questo è la Crimea).
Per questo noi, uomini e donne di pace, non vogliamo stare né con Putin né con Obama né con Yanukovich né con i leaders della UE né con le milizie armate filorusse. E meno che meno vogliamo stare con la NATO che è il braccio armato della UE.
Non possiamo accettare alcuna soluzione militare alla crisi ucraina né da parte della Russia né della NATO.
Ci appelliamo alla diplomazia internazionale e a tutti gli uomini e donne di buona volontà a sbrogliare la matassa.
Noi solidarizziamo con il popolo ucraino perché trovi la strada per uscire da questa tragica situazione.
Per quanto è nelle nostre possibilità, da sperimentatori di percorsi di nonviolenza, ci organizzeremo per facilitare mediazioni tra gli attori in conflitto, specialmente a livello del dialogo di base.
L’Ucraina ha bisogno di ritrovare la coesione sociale e la pace.
Noi crediamo in un ‘Ucraina indipendente e sovrana, che stia in buoni rapporti con i Russi come con gli europei, contribuendo così alla pace e sicurezza di tutto il continente . E’ una questione vitale per il vecchio continente.
Fino a quando dobbiamo aspettare perché si realizzi il sogno biblico che:

                                                “Giustizia e pace si scambiano il bacio” (Salmo 85)





                                                                                            Alex  Zanotelli

Napoli, 4 marzo 2014

sottoscrivo

Quei fascinosi intrecci romani* | Roberto Perotti e Filippo Teoldi

Quei fascinosi intrecci romani* | Roberto Perotti e Filippo Teoldi:

24/02/14

ALERT: Nadya and Masha arrested as May 6th protesters given harsh sentences

ALERT: Nadya and Masha arrested as May 6th protesters given harsh sentences:


I castelli romani: in 40 anni oltre centomila abitanti in più

Di quello che erano i "castelli" è rimasto molto poco il cemento e le macchine la fanno da padrone, grande è la sofferenza che prova una persona che nata in questi luoghi vede e subisce il degrado la qualità della vita si è abbassata di molto, un sentimento ormai "nazionale" e non voglio con questo sminuire il problema ma sottolinearlo. Abbiamo tolto a quelli giovani e gli altri che verranno la possibilità di godere di una natura vasta con laghi, mare, colline immerse nei boschi, tutto questo è in condizioni disastrose perché  oltre a non valorizzarlo si è continuato con l'opera di saccheggio del territorio con tutti i problemi che questo adesso comporta, compreso il rischio per la salute e pensare che 30 anni fa quello che spaventava erano solo le antenne di Monte Cavo (nocive e cancerogene) ora i veleni ci circondano: inceneritori, discariche, traffico e polveri sottili, antenne da tutte le parti...e la differenziata quando si comincia a fare seriamente le aree pedonali? I prezzi delle case però non diminuiscono, è già, siamo comune metropolitano ma questo non ci consente collegamenti pubblici continui e puntuali con roma che pur distando solo 20 km ci vogliono ore per accedervi visto che l'ingorgo sul raccordo è quotidiano e l'ultima corsa pubblica alle 24,00 se la perdi ci vogliono 70 euro di taxi per 20 km. insomma c'era una volta e vi assicuro era veramente bello Albano, ora sto pensando di andare via ma come dicevo lo scempio non è solo nella Terra dei fuochi o a Roncigliano e allora bisogna cercarlo un luogo dove non rischi la pelle per quello che respiri, mangi sta diventando un problema.
Il Mamilio - I castelli romani: in 40 anni oltre centomila abitanti in più:


Governo Renzi, tra Confindustria e Coop l'esecutivo nasce nel segno delle lobby

Niente di nuovo sotto questo grigio cielo continua a piovere sul bagnato, quando finirà questa dittatura spacciata per democrazia, quando avremo la possibilità di essere cittadini e non sudditi sfruttati da governanti, bankieri e mafiosi?


Governo Renzi, tra Confindustria e Coop l'esecutivo nasce nel segno delle lobby - Il Fatto Quotidian

09/02/14

LA LEGALIZZAZIONE spiegata in 3 minuti

Lentamente muore



 Lentamente Muore poesia di Martha Medeiros erroneamente attribuita a Pablo Neruda . "Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marcia, chi non rischia e chi non cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce. Muore lentamente chi evita una passione, chi preferisce il nero sul bianco e i puntini sulle "i" piuttosto che un insieme di emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all'errore e ai sentimenti. Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l'incertezza per inseguire un sogno. Lentamente muore chi non si permette almeno una volta nella vita di fuggire ai consigli sensati. Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia in se stesso. Muore lentamente chi distrugge l'amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante. Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli chiedono qualcosa che conosce. Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare. Soltanto l'ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità".

Lentamente Muore poesia di Martha Medeiros erroneamente attribuita a Pablo Neruda

21/01/14

Altro che fallimento, il «berlusconismo» è la norma



Altro che fallimento, il «berlusconismo» è la norma - ControLaCrisi.org

Test sugli animali, Bruxelles vuole denunciare l'Italia alla Corte di giustizia Ue

Affari e inciviltà questo il made in italy
Test sugli animali, Bruxelles vuole denunciare l'Italia alla Corte di giustizia Ue - Repubblica.it:


Grillini nei guai: l'ex Nar Zani a "concludere" un convegno a Rimini

Grande fibrillazione, in quel di Rimini, per un convegno “sulla crisi” organizzato dai grillini per il 1 febbraio e che avrebbe dovuto essere concluso da Fabrizio Zani.

Lancia l'allarme il segretario locale di Rifondazione, che per fortuna lì mantiene ancora viva la memoria storica. Il sito http://www.ilcorsaro.info ne riprende in questo modo la denuncia:Un convegno su “crisi globale e risposte locali” dei gruppi del MeetUp del Movimento 5 Stelle di Rimini sarà concluso dall'intervento di Fabrizio Zani, ex terrorista nero, Terza Posizione, Nuclei Armati Rivoluzionari, Ordine Nuovo e liberato definitivamente nel 2008. La denuncia è di Eugenio Pari segretario di Rifondazione di Rimini di cui riportiamo il comunicato. Nel frattempo molti attivisti del Movimento Cinque stelle nei forum prendono le distanze dall'iniziativa e dal personaggio invitato.
antifa: Grillini nei guai: l'ex Nar Zani a "concludere" un convegno a Rimini: